12 novembre 2018

divertissement

Come dice il detto "se il beduino non va alla montagna e neanche la montagna va dal beduino, allora il beduino si rincojonisce". No, aspè "si impicca". No vabbè, meglio che il beduino si cerchi un diversivo.

Toh, i peppers!

Quello più appuntito tra i gialli è un bel Fatalii, uno dei miei preferiti. Bello tosto. L'ho presentato ad uno spicchio d'aglio e a un mazzo di spaghetti e han socializzato molto bene. Il palato ha gradito.

Provenienza.
Estate 2018. Origliando in giro, vengo a sapere che i noti gestori di un noto orto pubblico hanno deciso di piantare un po' di varietà di peperoncini (tra cui molti esotici) per fare poi una serata divulgativa allo scopo di diffonderne la conoscenza.
Faccio un sopralluogo a fine agosto, ma girano delle specie di controllori malfidati che sorvegliano l'area, come se si aspettassero un raid di cavallette. "miiii che gentaglia brutta che si deve aggirare anche da queste parti! dove andremo a finire!" penso io tra me e il Diabolik che è in me.
Poi l'evento divulgativo me lo son perso, però passeggiando nell'orto, qualche giorno fa, noto che le povere piantine sono abbandonate a sè stesse, e alcune sono ancora belle cariche. E urca! nessuno intorno che se ne curi.
Che cattivi, coltivarle e poi mollarle così, alle porte dell'inverno, ben sapendo che sono esserini sensibili e delicati, adatti ai climi roventi del centro/sud america o delle zone tropicali dell'oriente, nonché al calore delle mie viscere.

E poi boh, io non so come sia potuto accadere questo strano fenomeno paranormale, che tanti peperoncini si son staccati autonomamente dai rami e mi sono saltati addosso. A casa me ne sono trovata dapertutto: nella borsa, nelle maniche della giacca, nelle tasche. Vai a capire.
Così ho ridato loro dignità adottandoli; e mica potevo respingerli. Porte aperte, io!

Il più cattivo tra i trovatelli è quello rugoso e bitorzoluto marroncino. Per addomesticarne gli effetti collaterali sarebbe meglio abbinarlo a piatti in cui sia presente una buona dose di formaggio, perché la caseina è uno dei pochi estintori della piccantezza estrema (anche se, con certe varietà, non sempre è sufficiente a spegnerne i bollenti spiriti). Una bella lasagna con funghi e gorgonzola non ci starebbe male.

Io, sono anni che non mi cimento più nella coltivazione di queste varietà esotiche, che sono ben più impegnative dei peperoncini nostrani. Richiedono accorgimenti, stratagemmi, spazio, tempi e cure costanti che non mi posso permettere. E poi ormai il mini balcone è proprietà dei vandali alati, che divorano tutto: basilico, timo, fiorellini di tutte le specie.
Ma li apprezzo sempre assai, quindi ben vengano queste pregevoli iniziative dell'orto pubblico.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento