12 febbraio 2018

su cima Socede (2180) - val Campelle

Dal parcheggio di ponte Conseria (1470m ca) sul sentiero estivo per malga Conseria; sentiero ghiacciato, indispensabili i ramponcini, direi. Sulla comoda stradella invece neve battuta perfettamente, ma l'abbiamo evitata vista la folla di scialpinisti già di buon mattino!

La malga Conseria è aperta anche nei fine settimana invernali, in stile sudtirolese. Infatti era abbastanza affollata, ma va benone.

Zona ad altissima densità veneta, soprattutto vicentini quelli che abbiamo intercettato.

La val Campelle l'ho percorsa in lungo e in largo in questi anni, ma sul cocuzzoletto detto Socede, chissà perché e percome, non mi ci ero mai affacciata. Sbagliando, perché è un balcone di prim'ordine.

In vista della malga, appena sopravvissuti al sentiero 326:





Alla malga Conseria è ora di azzavorrarsi con le ciaspole.

malga Conseria, 1848m

Verso il Passo 5 Croci, neve perfetta. Al ritorno sarà uno spasso scendere.



Dai poco più di 2000m del passo alla cima Socede a 2180m ca, il tracciato è ripidino, la neve abbondante. Per la prima volta in vita mia ho pensato che quello poteva essere il giorno buono per fare diretta conoscenza di una valanga.

cima d'Asta, 2850m ca


un po' di cime del Lagorai


ancora Lagorai..


Lagorai a 360°











ancora cima d'Asta


cima Lasteati, 2400m ca

Ringrazio lo sconosciuto scialpinista indigeno, insolitamente socievole e loquace, che oltre ad avermi erudita sui nomi di tutte, ma proprio tutte le cime intorno, mi ha anche rassicurata circa il mio timore di una valanga.
Mi ha tolto un bel po' d'ansia di dosso, non sa quanta.

Al ritorno breve sosta beveraggio alla malga Conseria (buona birra, buona torta, piatti tipici che tasteremo una prossima volta).

dal balcone della malga, Lasteati a sx e piramide del Cengello (2440m ca) al centro

Per il rientro, un po' storditi dal sole e dalla birra, scendiamo per la comoda stradella:



piramide del Cengello e malga Conseria

Malga Valsorda (chiusa) e sullo sfondo il Montalon con cima delle Buse a sx:



il cocuzzoletto del Col della Palazzina, 2150m ca.

Il fatto di tenere aperta la malga Conseria anche nei fine settimana invernali e di averne reso facile l'accesso ha attirato un bel po' di gente, tanta quanta non ne avevo mai incontrata quassù. Non solo scialpinisti e ciaspolatori, ma anche famigliole con cani e bambini al seguito in slittino.
Nonostante tutto non c'era cagnara, il che mi fa ben sperare.
Almeno fino al giorno in cui non troverò in menù pietanze per cretini che si credono sofisticati e invece son solo esibizionisti da (giustamente!) spennare; o il locale wellness sul retro con estetista-dietista-naturopata- e via cialtronando.
[come quel ristorante in quel dei dintorni di Còredo ... prima o poi ci scriverò un post al cianuro]


0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento