12 gennaio 2018

ingegneri a confronto

Vista l'insistenza con cui i piccioni razziano in balcone ho deciso che proverò a fare una piccola mangiatoia su misura per gli uccelletti, di modo che per i polli volanti sia impossibile infilarci il portapiume e il becco per rubare le scorte invernali ai miei piccoli ospiti.
Il Mistico già si è impietrito per il terrore, come ogni volta che faccio o cambio qualcosa che riguardi arredamento e/o disposizione dei mobili in casa.

A tal proposito, credo che abbia scritto e firmato una carta in cui mi accusa spudoratamente di aver comprato un pensile per la cucina "perché non aveva più spazio per sistemare le sue cose" e:
  1. non solo l'ho già riempito tutto, ma non ho neppure risolto il problema, visto che di cose sparse in giro che-non-so-dove-stipare ne ho più di prima. Davvero. BOH CHE STRANO ...

  2. non ho disegnato la mappa -indispensabile- per trovare adesso bicchieri, tazze, tazzine, caffè e caffettiere

Ancora devo studiare come fare la mangiatoia che già tira aria da guerra fredda.
Comunque il progetto, almeno come ce l'ho in testa, è semplice: una piccola balconiera da riempire di mangime sormontata da un sottovaso rettangolare che faccia da tettoia, lasciando solo pochi cm di spazio tra la cassetta e il tettuccio. Con un po' di millechiodi e qualche legnetto a far da sostegno per il tettuccio dovrei riuscire nel mio nobile intento.

E comunque vada, sarà sempre più semplice delle sue lasagne alla napoletana, piene di impalcature a base di polpette per sostenere i vari strati iperconditi, che possono configurare un vero e proprio abuso edilizio. Gli ci faccio pagare l'IMU la prossima volta.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento