3 novembre 2017

fill my eyes

"And in the morning when you fill my eyes
I knew that day I couldn't do, ahh, no wrong, I couldn't do. 
And so my mind begins to memorize
'cause time will never seem the same, ahh, no more, never again"
[fill my eyes - Cat Stevens]

Rubo il titolo di una delle più belle canzoni di Cat Stevens perché il mio cervello alla Homer Simpson se l'è cantata e suonata da solo per tutta la durata di questa bella passeggiata tra i boschi intorno a malga Trenca, e io non ci ho potuto fare proprio niente.

In Valsugana, sopra Roncegno, questo versante soleggiato è un gioiellino non ancora devastato dalla rapacità dell'industria turistica. Bello per le passeggiate tranquille, ma ci si può pure impegnare un po' di più salendo a qualcuna delle cimette che stanno a guardia della valle.
Pur avendo solo poche ore a disposizione non abbiamo rinunciato alla tentazione di trascorrerle nel bosco, e con grande sorpresa qui l'abbiamo trovato ancora in pieno foliage. Mi ci sono riempita gli occhi letteralmente, mentre il cervello si è svuotato.
[vorrei dire alla mia amica che insiste nel dire che io sono un'animista nata -perché è convinta che io parli con gli alberi e che questi mi rispondano pure a tono-, che tra un po' inizio a crederci anch'io!!]





Un po' sul sentiero 323 verso il monte Cola ...





... che però non abbiamo raggiunto. Abbiamo preferito tenerci bassi a portata di alberi.




Lago Grande, nei pressi di malga Colo








vista sui monti di Rava


e sul monte Ciste


il solco della Valsugana verso la terra veneta









L'ultima occasione per fare il pieno di colori, perché arrivano pioggia e vento, e di questi ombrelloni giallo/arancio resterà ben poco.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento