29 ottobre 2017

passeggiata sul monte Cogne

Val di Cembra, lato sinistra Avisio. Zona di passeggiate tranquille.
Siamo tornati dalle parti di Montesovér dopo non so quanti anni, per cercare di raggiungere il cocuzzolo del monte Cogne (2170m ca) dalla malga Vernera (1670m).

Alla malga un feroce molosso, tipico bestio da guardia, terrore degli orsi e dei lupi, presidia l'ingresso con la sua mole minacciosa. Con la sola imposizione della sua presenza ci impietrisce, così tiriamo dritto lungo il sentiero 469 che porta al cocuzzolo prescelto, sperando che non decida di sbranarci.

guardiano superaggressivo



Passeggiata senza lode né infamia, da mezza giornata. Pochi metri di dislivello (500), alcuni tratti ripidini, cocuzzolo abbastanza panoramico, foschia permettendo.
In questo periodo tutto fa brodo.




la croce in cima


il Ruioch a dx e la dorsale che lo unisce al monte Croce


il monte Fregasoga a dx e la Pala delle Buse a sx


tra la boscaglia la malga Sass, dalla quale provenivano sinistri rumori


il Corno Bianco e il Corno Nero, già Sud Tirol


la Pala di Santa in primo piano e il Latemar sullo sfondo (credo)


i 2 laghi di Piné sull'omonimo altopiano

Ritorniamo alla malga zitt zitt sperando di non svegliare il Bestio.


Povero bestiolo, molto zozzo, sordo come una campana e probabilmente afflitto da artrite, viste le zampine malformate e l'andazzo traballante. Per svegliarlo l'ho dovuto sfottere un bel po', ma comunque non m'ha filata manco per ridere.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento