24 agosto 2016

Kortscher See e Hungerschartenseen (laghi della fame!)

Giornata spettacolare: blu di sopra, di sotto e tutt'intorno.

Trento → Bolzano → val Senales.
Percorsa tutta la valle, parcheggio a 1930 m ca, qualche centinaio di metri prima di quel repellente agglomerato edilizio noto come Kurzras.
Sentieri 5, 4 e poi traccia senza numerazione. Consigliatissima carta escursionistica (io ho la Kompass 51)

6° alla partenza e vento freddo tutt'altro che sgradevole ci hanno accompagnati dall'inizio alla fine, rendendo meno faticosa una salita più impegnativa del previsto.
All'inizio col bel sentiero 5 nel bosco, poi sul ripido 4 sino ai 2794 m del Tascheljöch (giogo tasca). Dopodiché si va a cul lungo un tracciato abbastanza vertiginoso ed esposto che mi ha elargito più di un minuto di ansia. In ogni caso lo rifarei perché tutto il percorso di questa bella escursione è panoramico e appagante. 

Lagauntal e la piramide della Lagaunspitze visti dal sentiero 4


17 agosto 2016

all'agritur Rincher (valsugana)

Chissà se gli abitanti della Valsugana si sono accorti che oggi splendeva il sole poche spanne al di sopra dei loro crani...

nebbia in val pad ... ehm Valsugana

9 agosto 2016

alla ricerca del misterioso Stubensee

Decidiamo di andare ad esplorare la Pflerschtal (val di Fleres), ad un tiro di cerbottana dal confine austriaco.
Parcheggiamo l'auto in fondo alla valle, dove troviamo un cartello di divieto di transito automobilistico (ma solo dalle 10 alle 16) e le indicazioni per la Magdeburger Hütte (rifugio Cremona) e per la Tribulaun Hütte (rifugio Calciati al Tribulaun).
Partiamo a piedi da quota circa 1400m e ci incamminiamo all'inizio su asfalto, sino a trovare un parcheggio un centinaio scarso di metri più su (chiamato "in der Hölle"), da cui partono vari sentieri, compreso quello che interessa noi, e il sentiero per le cascate. Qui prendiamo a sx il segnavia 6/B.


la particolarità della Weißwand


5 agosto 2016

Saldurseen (FALLITA miserevolmente)

Partiti a quota 1820m dal maso Glieshof in fondo alla val Mazia, cerchiamo nel bosco il sentiero n. 1 per salire ai laghi di Saldura. Ma è chiuso per frana.
Poco male, si torna un poco indietro, si attraversa il Saldurbach e si passa dalla comoda strada forestale che porta anche alla Matscher Alm. Poco più avanti c'è un bivio: a sinistra il n.1 che porta alla Oberettes Hütte, a destra il n.4 per i laghi di Saldura.