14 giugno 2016

dalla neve alla sabbia

Spiaggia del Giunco, Villasimius (Cagliari).
Metà giugno, già fin troppo piena per i miei gusti.
Operatori turistici, ristoratori, parcheggiatori, venditori ambulanti, cazzetterie, caffetterie, gelaterie: tutti iniziano a fregarsi le mani in vista della calata dei norditalici e nordeuropei.



Beh, chi ritiene figo mangiare su questo carrettone galleggiante puzzolente merita il pelo e il contropelo. Lo metterei come voce del menù: depilazione inclusa nel prezzo. I turisti ne saranno entusiasti.



E meritano di essere pelati fino alla radice dei bulbi piliferi del deretano anche quei turisti lombardi del menga che davanti a questa antica torre di avvistamento declamavano a gran voce: "che bel nuraghe!".


Ecco, s'ì fossi un esercente di Villasimius, a questa categoria di ospiti applicherei un sovrapprezzo, una sorta di tassa sull'ignoranza. Perché certi spropositi fanno male ai neuroni, e poi uno si deve andare a comprare calmanti perché sennò farebbe una rissa al giorno nel vano tentativo di difondere cultura e conoscenza locali.


spiaggia del giunco, oggi ventosa


al largo l'isolotto di Serpentara


giovani coraggiosi


vecchi imborghesiti

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento