8 marzo 2015

sul monte Popi

Sentieri 26 (AVS), 114 (SAT), 26/A, 157, 8.
Partiti dal parcheggio del tunnel di Proveis e arrivati sul cocuzzolo del monte Popi (1941m) passando dalla Laureiner Alm.
Ridiscesi alla Laureiner Alm, ci inoltriamo lungo il tracciato 114 per il p.sso Castrin quando una delle mie ciaspole mi fanculizza senza preavviso e senza ritegno. Si è proprio scassata; dopo 3 inverni passati insieme, dopo che l'ho sempre pulita e lucidata, trattata con tutti i riguardi, neanche un graffio o un taglietto, la Stronzona mi molla proprio lungo un traverso breve ma delicato, costringendomi ad affrontare qualche tratto fastidioso praticamente sul culo (stretto). Si può essere più infami-carogne-farabutti&villanzoni?
Arriviamo comunque al passo e alla malga Castrin, ma sfuma definitivamente la mia speranza di proseguire lungo il sentiero 133 per il malghetto di Cloz per poi ridiscendere al parcheggio passando dalla Clazner Alm. Scendiamo invece mestamente lungo il tracciato 8 per tornare al parcheggio, dove darò sfogo alla mia rabbia insultando la Stronzona col fior fiore del mio repertorio d'occasione.

Comunque ho avuto le mie soddisfazioni nonostante il disagio patito, mentre la Stronzona non so se avrà piacere di essere smontata, smantellata e destinata ad adornare l'angolo di Lapo in balcone. L'angolo cesso, si intende.

Anyway, bando al rancore. 

sotto la Laureiner Alm


vista sulle Maddalene, sempre un gran piacere











verso il monte Popi








monte Luco








il Brenta in lontananza tra le foschie





verso il passo castrin: il tradimento si è già consumato











Kornigl (Cornicolo)





il tracciato che porta al ristorante Arnica


Passo Castrin


ancora il Brenta


malga Castrin

Si torna indietro..


Caldo esagerato.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento