10 giugno 2014

col culo nelle pedate

Pomeriggio caldissimo, mentre io pisolo accollassata sotto l'ombrellone il maritozzo si tuffa in mare. Tempo 10 minuti e sento uno sciabordìo sospetto in riva.
Niente, una mini truppa composta da 9 medusoni enormi l'ha circondato, minacciato e costretto a nuotare a riva a piedi levati.
E' andato a romper loro le balle al largo, a 3 metri di profondità, mentre queste se ne stavano tranquillamente inabissate a farsi i fatti loro. Tanto le ha provocate che hanno reagito invadendo il bagnasciuga.
E per fortuna in spiaggia non c'era nessun altro oltre a noi, altrimenti gli altri bagnanti per placare i mollusconi l'avrebbero buttato di peso tra i tentacoli delle meduse, come l'agnello sacrificale

"datece er puzzone!!"






P.S.: mai viste così tante meduse, e così grosse, a inizio giugno (fino a pochi anni fa non comparivano prima di luglio). Così come non s'era mai visto che io mi immergessi in mare prima del 15 giugno. Il mediterraneo è decisamente caldo: guai in vista.