30 maggio 2014

prima di partire

Controllare i motori. A destra ...



25 maggio 2014

sul monte Zebio (altopiano di Asiago)

All’entrata di Asiago non mi è sfuggito questo cartello:




15 maggio 2014

sull'altopiano di Asiago: monte Lisser (1633m)

Di passaggio a Enego, direi per caso, in una giornata soleggiata e ventosa.
Il commesso di un minimarket, tra una fetta di soppressa veneta e l'altra, ci domanda se siamo mai stati sull'altopiano.
No, ma con poche parole ci ha fatto venire voglia di andare a vedere.

(a dire il vero ne avevamo scrutato la parte più settentrionale/occidentale dalla cima del Pòrtule; ma la vista di quel territorio desolato unita alla consapevolezza del disastro umano ivi andato in scena quasi 100 anni fa, mi fece dire: "ecco un posto in cui non metterò mai piede")

E così siamo andati ad esplorare la zona della val Maron; saremo subito stoppati dalla neve che ancora ingombra la piana della Marcesina e oltre.
Allora proviamo ad andare all'attacco da sud; meta il monte Lisser, che dalla sottostante val Maron ci era sembrato libero da neve.
Infatti è pulitissimo.
Partiti dal parcheggio presso la Casera del Tombal, a 1200m ca, seguiamo la sterrata che in alcuni tratti coincide col sentiero n. 865.

Pochissimi alberi, tranne nella parte più bassa. D'estate sarà impraticabile per me.

uno sparuto solitario


14 maggio 2014

Sul Völsegg-Spitz (1835m) e sull' Hammerwand (2127m)

Dal parcheggio di Weisslahnbad (1179m ca) presso san Cipriano in val di Tires, col sentiero 4a sino alla Tschafonhütte (1743m) e poi col n.9 sino ai 1835m del Völsegg-Spitz; ridiscesi alla Tschafonhütte e sempre sul sentiero n.9 sino alla Hammerwand (Croda del Maglio).

Salendo sbagliamo clamorosamente strada: invece di immetterci sul sentiero che sale dolcemente alla Tschafonhütte restiamo sulla stradella, che è ripidissima.
Le mie bestemmie s'incrociano nell'etere col cinguettio degli uccellini, ma per fortuna nessun altro stolto è nei paraggi a sentirle: le persone sane di mente son tutte sul sentiero comodo. I miei "mapporcadiquellatttrroia" se li gode tutti il maritozzo, e se li merita alla grande, visto che insiste "guarda che ho letto da qualche parte che il sentiero nel bosco è più ripido della strada" (naturalmente ha letto aglio invece che cipolla: è esattamente il contrario).

pecorelloni neri