10 marzo 2014

nella Kirchbergtal (val d'ultimo)

Viste le temperature quasi estive di questi giorni, meglio cercare zone il più riparate possibile dal sole, in modo che il manto nevoso non diventi un brodino già alle 10 di mattina.
Passeggiata fotocopia di un giro d'esplorazione fatto in zona lo scorso dicembre, quando abbiamo trovato si neve, ma non in cotanta quantità.

Da St. Gertraud, in val d'Ultimo, partenza da 1500m ca.

Percorso affollatissimo già di primo mattino; tra gli altri abbiamo incontrato pure una comitiva composta da ben 18 bipedi più 2 quadrupedi al seguito. La maggior parte diretti al Walscher Berg / Cima Trenta, pochi sparuti alla Karspitze / Cima di Quaira, qualcun altro all' Haselgruber Joch / Passo di Rabbi.

quota 2000, arriva il sole anche qui 


verso il Passo di Rabbi


scariche dalle crode della Kirchbergalm


una baita semisepolta


altre baite a quota 2100


alle nostre spalle


qualche smottamento sui pendii più ripidi esposti al sole


la Kirchberg Kaser (1944m) semi sfondata da qualche quintale di neve



Segnaletica scomparsa sotto metri di neve, non abbiamo trovato le indicazioni né per la Innere Alplaner Alm, né per la Seefeld Alm, tanto meno per le cime - anche se con la mappa Tabacco 042 era tutto sommato facile intuire il percorso.

Qualche escursionista locale sperduto ha chiesto lumi niente popò di meno che a noi, forse tra i pochi a possedere la mappa della zona. Gente che si è ritrovata alla Kirchberg Kaser (1944m) convinta di essere alla Innere Alplaner Alm (che invece è a 2250m ca, e da tutt'altra parte, tra l'altro).
Cose che io non capisco: persone capaci di spendere cifre per giacche montura, scarponi meindl, ciaspole MSR Evo Ascent, ma non 8 euro per una buona carta escursionistica, come se anche questa non dovesse far parte di un normale equipaggiamento da montagna.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento