24 gennaio 2014

la valle del Vajolet che non era in programma

Complici le solite pessime condizioni meteo, l'unica cosa fattibile era dedicare la giornata all'esplorazione della val di Fassa, a caccia di (im)probabili percorsi invernali. Improbabili perché ci eravamo già stati in perlustrazione anni fa e non ci era sembrato un posto molto adatto a noi.
[ indimenticabile la fiumana di gente lungo la valle del Vajolet nell'agosto 2006, quando per trovare un po' di pace per occhi e orecchie ci eravamo dovuti spingere quasi di corsa fino al rifugio Passo Principe, allora chiuso per restauri ]

La strada per la valle del Vajolet è aperta al traffico fino al villaggio di Muncion/Monzon (1550m ca). Poco più avanti piccolo spiazzo per il parcheggio, poi la strada che porta al rifugio Gardeccia, e da lì nel cuore del Catinaccio, è riservata solo ad escursionisti, motoslitte e battineve.
Con dei precisi orari, per comodità di tutte le categorie:



18 gennaio 2014

in effetti ...

.... di 'sto tempo ne abbiamo due scatole cubiche grandi così ....


dal passo Nigra al Wolfsgrubenjoch (fossa del lupo)

Visto il meteo incerto, tranquilla passeggiata lungo la modesta dorsalina che parte dal passo Nigra (a 1668m ca) e porta al Wolfsgrubenjoch (a 1500m ca) seguendo il tracciato n.1 che inizia proprio alle spalle del rifugio passo Nigra.
Adatta ai fotofobici, agli amanti delle tenebre e a chi deve evitare emozioni forti, essendo non molto entusiasmante e offrendo solo:

1) delle notevoli vedute su bosco e sottobosco (giacché si è costretti a camminarci in mezzo per la maggior parte del tempo)
2) viste mozzafiato sulle vertiginose cime degli alberi circostanti




13 gennaio 2014

need a contraceptive?

- Lascema: no, senti, è inutile che mi guardi con quel becco accusatorio, non è colpa mia se stai lievitando come un panettone

- Lapolla: ' " ' * " ' ' " ' " * ' " ' " ' " ' " * ( traduzione = tu e le tue briciole di formaggio, te possino ...)

- Lascema: no-no, ti sbagli, sei tu che ti sei fatta abbindolare ancora da quel merlo nero .... che ti credi, che non vi ho visti imboscati nel cespuglio? sgualdrina!


- Lapolla: tsé tsé, GUARDONA!

- Lascema: dai, dimmi com'è che c'è riuscito anche stavolta, fammi indovinare ... t'ha invitata a vedere la sua collezione di vermi, eh??

- Lapolla: ' " ' " ' " * # * " * # * !!! ( traduzione = 'fancùl )

- Lascema: MERLOCCA !!!!( traduzione = incrocio tra una merla e un'allocca )

[ modalità rissa ON ]

            

[modalità rissa OFF]

- Maritozzo: ma piantatela tutt'e due

- Lapolla&Lascema versus Maritozzo:  

E fu così che nacque il detto "tra moglie e merlocca non mettere bocca".

9 gennaio 2014

giro nella Tschamintal (val Ciamin)

Sveglia all'alba e colazione per tutti: e quando dico tutti intendo proprio tutti i componenti della famiglia.
Costei ormai ha preso l'abitudine di presentarsi non appena vede luci e movimenti in casa.
[ una volta o l'altra approfitterò del buio per metterle le mani addosso come i peggiori maniaci sessuali, ma solo per sentire com'è fatta sotto quelle piume ]

" embé, se magnate voi a quest'ora, tocca magnare anche a me "


4 gennaio 2014

previste copiose precipitazioni merlose

La stagione amorosa dei merli è già cominciata: son ben 3 i contendenti che tampinano Lapo con ostinazione, consapevoli di rischiare di beccarsi una ciabatta sul portapiume.
Lei se la svigna come può, e ovviamente il suo rifugio preferito è qui. Son almeno 5 giorni che precipita sul balcone facendo dei tonfi inquietanti e portandosi dietro tutti i suoi spasimanti.


uno dei pretendenti al trono, per ora primo candidato alla prima ciabattata dell'anno

2 gennaio 2014

alla Haniger Alm

Qualche giorno fa avevamo provato dalla val di Tires a salire al Wolfsgrubenjoch (passo del Lupo, così denominato per la presenza di una buca -ora recintata- che in passato veniva usata per catturare quei lupi che avevano la pessima idea di mostrarsi nei dintorni). Nulla di attrattivo, ma solo la scusa per fare 4 passi sulla neve fresca.
Il tentativo è fallito a causa della forte nevicata del giorno prima, che ha piegato i rami della boscaglia sino a rendere impossibile il passaggio - a meno di non essere animati da un malsano spirito di avventura.


il sentiero 5 per il Wolfsgrubenjoch