4 luglio 2013

scorci antichi d'Ogliastra (parte prima)

Val la pena schiodarsi ogni tanto dalla spiaggia per avventurarsi verso le zone interne: queste eterne sorelle minori del paesaggio sardo sono ancora troppo sottovalutate, perché si ritiene erroneamente che Sardegna sia soltanto mare.
L'Ogliastra è una delle mie preferite, non so bene perché. Sarà che dal mare si vedono i monti e dai monti il mare, cosa impensabile nel cagliaritano. E ci sono scorci antichi dai quali mi piace sempre immaginare i miei avi che scrutavano il mare da lontano, in attesa degli invasori da contrastare.
Non molti sanno che gli abitanti originari della Sardegna son quelli che per secoli hanno vissuto arroccati tra le montagne; gli insediamenti lungo le coste sono arrivati in un secondo momento della storia di questa isola.
Ancora oggi c'è un abisso (che io mi auguro rimanga  incolmabile) tra isolani della costa e isolani dell'interno, tra gente di città di mare e gente dei paesi di montagna; non manca neanche una certa diffidenza reciproca, con gli abitanti delle montagne che sotto sotto ritengono noi delle coste un po' traditori, per aver agevolato l'ingresso in terra sarda di gente forestiera. In queste zone un cittadino del capoluogo ci va cauto nel rivelare la propria provenienza,  perché lo sa che proprio il cagliaritano è considerato il peggior traditore dell'animo isolano.

Noi siamo entrati nel cuore dell'Ogliastra, sull'altipiano dei Tacchi, così chiamato per le tipiche pareti rocciose calcaree verticali che secondo i locali ricordano dei tacchi rovesciati.
Questo territorio è compreso tra i comuni di Tertenia, Perdasdefogu, Jerzu (famoso anche per il vino), Ulassai, Osini,  Gairo.

la verde vallata di Troculu, tra i paesi di Ulassai e Osini


In località Baulassa, nel comune di Ulassai, le tipiche "pinnette", un tempo dimore dei pastori, oggi riconvertite in aree picnic.




























E nella vallata di Troculu i resti del Nuraghe Orruttu



e del Nuraghe Sanu, situato a poca distanza dal primo.


Continua...

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento