29 luglio 2013

on these, the hottest days

Limitare gli sforzi intensi mi sta bene (e chi si azzarda a salire anche solo di 200m con 'ste temperature? solo fanatici e cultori del protagonismo, credo)
Limitare i superalcolici anche (tanto non mi piacciono)
Limitare l'introito di calorie e privilegiare cibi leggeri = uff

Al rifugio Carlettini in val Campelle (che poi tanto rifugio non ci è sembrato, essendo più simile ad un bel ristorantino), abbiamo sperimentato:














Tutto buono buono, accoglienza ottima, gran bel posticino per mangiare in pace.

Pausa digestiva pomeridiana, al fresco, total ozio:






La sera si ricomincia all'hotel Sat Lagorai, che tanto hotel non è, essendo molto più simile al classico rifugio che si può trovare ad alte quote (in caso di pernottamento occorre portarsi la biancheria: lenzuola e asciugamani)



Ma l'accoglienza è perfetta anche qui, il mangiare buono ed economico. Noi ci siamo buttati sull'ammucchiata denominata "piatto montanaro", inclusivo di 2 portate nemmeno piccole:





Diciamolo chiaro e tondo, abbiamo mangiato proprio come suini da ingrasso, ma senza conseguenze fisiche nefaste a breve termine.
Su quelle a lungo termine stendiamo un velo di allegra incoscienza, che è meglio.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento