10 maggio 2013

oddio, la famigghia la (man)tengo io

Non posso dire che Lapolla è venuta su scema, ma a volte mi viene il dubbio che la troppa promiscuità con la sottoscritta l'abbia rincitrullita.

L'anno scorso, quando ancora era piccola, mi aveva scambiata per una specie di surrogato della sua mamma e veniva solo ed esclusivamente a reclamare cibo e protezione.
Quest'anno, che è diventata mamma a sua volta, ogni tanto fa confusione: viene sempre a razzolare mangime vario per sé, e ora anche per i suoi pargoli

[se tu dai una cosa a me..]

ma raccatta anche schifosi lombrichi in giro nelle aiuole; poi sbaglia direzione, e così li porta a me, tipo questo povero sfigato che ancora si muoveva tra le sue fauci.

[io poi do una cosa a te..]

Chissà, forse vuole solo sdebitarsi, oppure farmi vedere com'è diventata brava a procacciarsi proteine; un po' come quei gatti che ti portano dentro casa lucertole e prede varie e te le sputano ai piedi per gentile omaggio.

Io le ho detto ehm, tante grazie, ma sto un pochino a dieta, sai com'è.

Comunque 'sta pennuta capisce l'italiano, doppio e triplo azz.
Pochi giorni fa le ho chiesto perché fosse sempre da sola e che fine avesse fatto il padre delle sue uova; il giorno dopo (!!!) mi ha portato il timidone :



e anche i giorni seguenti:



Fatto sta che adesso arrivano sempre insieme, ed è un viavai - a momenti continuo - tra il balcone e il loro nido situato poco distante.

i piumati più glamour del circondario




P.S.:
AAA - - - aiutissimo: coppia referenziata, educata e silenziosa, non fumatori, senza figli, senza animali, cerca in città appartamento luminoso, non arredato, possibilmente all'ultimo piano, non necessariamente zona centro, dotato di balcone, almeno 50 mq.
Astenersi merli e perditempo.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento