26 maggio 2013

come una presenza

Col freddo invernale di questi ultimi giorni ho dovuto portare dentro tutte le mie piantine, fiori,  habanero e aromatiche. Tutte sistemate disordinatamente in cucina, ridotta ormai a una giungla multicolor.

Poi stamattina, stupita dal quell'insolito disco giallo in cielo (che se non ricordo male dovrebbe essere il nostro sole) decido di aprire un po' nonostante il freddo.

E sai quando senti di non esser sola, e ti sembra che ci sia qualcun altro nella stanza che ti osserva, e ti guardi intorno per captare l'essere, e allora pensi tra te e te: "dannato fantasma, batti un colpo se ci sei" .


E il presunto fantasma, che per sua natura è telepatico, legge il tuo pensiero e ti accontenta. Batte un colpo a modo suo, cioè sganciando un sonoro plop sul pavimento, dall'alto di uno dei tuoi vasi.
Solo al magico sound di quell'inconfondibile plop ho capito che Lapolla era entrata alla chetichella e si era sistemata sui suoi vasi che io - mariuola che non sono altro - avevo ingiustamente spostato senza avvisare Sua Maestà.

Poverina, 'sti ultimi 2 giorni li deve aver cercati come una matta, e quando li ha ritrovati ci si è appollaiata trionfante come un sovrano ...
1) sul suo trono?
oppure ...
2) sul suo cesso?

Secondo me la seconda che ho scritto.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento