20 aprile 2013

sull'alpe di Rodengo e Luson

Trento → Bressanone → val Pusteria → Rodengo → parcheggio Zumis 1730m.

Temperature estive in questi giorni di metà aprile, mercoledì 17 cerchiamo aria sull'Alpe di Luson, ma la caldazza è arrivata anche quassù.
Dal parcheggio Zumis si nuota nel fango della strada forestale (segnavia n.4) per qualche centinaio di metri, poi sulla neve, che alle 10 del mattino è già quasi liquefatta: che disastro.
Anyway ...

dalla Ronerhütte si prosegue sul sentiero n.2


in lontananza l'Astjoch, 2198m


la Cappella Pianer Kreuz











panoramino


sul tetto di questa baita mi sembra di vedere qualcuno


mumble mumble ...


ballerina bianca (grazie per l'informazione a Karol Tabarelli de Fatis, del MUSE di Trento )


vista sui monti di Fundres


forse il Wilde Kreuzspitz, 3130m (Picco della Croce), mancato per un pelo l'anno scorso


il caseificio accanto alla Starkenfeld-Pluna


primavera, anzi no, estate


Starkenfeld-Pluna (rifugio Campoforte, 1936m)





Sass Putia


Arrivati a ridosso dell'Astjoch, non lontani dall'Astalm, rinunciamo a proseguire: davvero troppo caldo, la neve sta diventando un lago d'acqua ed è quasi mezzogiorno.
Un gruppetto di ciaspolatori decide titubante di proseguire con le racchette su neve bagnatissima e pesante. Spero che affrontino l'ultima rampa che porta alla cima prima che questa si trasformi in una pericolosa cascata d'acqua e poltiglia nevosa.


A fine giornata nessuna notizia di ciaspolatori affogati in montagna: è andata bene.

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento