23 febbraio 2013

guerra allo stalker

Questo terrorista nero da giorni segue e perseguita la merluzza senza darle un attimo di tregua. Pensavo che si volesse soltanto accoppiare, trovandola così pasciuta e con le penne lucide; invece no, la becca e la scaccia di malo modo.
Lei strilla, e adesso ha anche imparato che se io sono in casa e la sento agitarsi intervengo immediatamente coi miei potenti mezzi (la scopa) per allontanare l'aggressore.

lo stalker


Poi stamattina l'ho trovata così:


nascosta sotto un vecchio mobile che tengo sul balcone, appiattita dal terrore perché il nero era nei dintorni e le dava la caccia.

Già il fatto di non poter tenere un cane/gatto/criceto/pesciolino mi deprime non poco, ma che io non sia libera di ospitare e sostentare una merla allo stato brado per colpa di un osceno composto organico animato da pura rogna, mi fa girare assai gli zebedei.
Quindi mi armerò di fionda e vedrò di centrarlo bene sul portapiume, vediamo un po' chi è che sloggia dal mio balcone.

Intanto lei l'ho rassicurata, però temo che 'sto stress la induca ad allontanarsi per cercare un luogo più tranquillo dove passare l'inverno.


Ma dove lo trova un ristorante più ben fornito del mio?

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento