2 aprile 2012

alla malga asbelz (e lago)

Diciamolo, che scegliendo questo itinerario ci siamo tirati da soli un gran bel pescione d'aprile, pure un po' andato.
Siamo andati a pescarcelo nel massiccio del Brenta meridionale; da san Lorenzo in Banale stradina per il bar Dolomiti, parcheggio al ponte Baesa (796m) e da qui sentiero 349.


C'è un gentile e bel signore del posto che ci indica la via, e ci dice: "dovete andare su di qua, e poi su su, e ancora su, sempre su...."
Mi chiedevo giustappunto il perché di tutti quei "su" sottolineati così ripetutamente, poi, una volta arrivati(=stramazzati) al laghetto d'Asbelz ne ho capito fin troppo bene il senso: 1200m di dislivello così ripidi era da un po' che non li facevo.
Il sentiero fin da subito è un massacro: una pendenza da fare invidia alla famosa rampa della val Ridanna, quella che quasi mi ammazzò un tendine. Qui è molto peggio: la pendenza non dura il breve percorso di una rampa, è micidiale per tutto il tragitto. I consumi idrici viaggiano a livelli agostani: il litro e mezzo d'acqua pro capite sparisce in breve tempo, e una volta a casa ci sarà posto ancora per un altro litro e mezzo (sempre pro capite). Non è normale.


help



help2: qui tutto è reso ancora più infido dalle foglie scivolose



Dopo aver attraversato la zona dei masi della val di Jon usciamo dal bosco: sullo sfondo il monte Piz, 2222m ca.



in vista dell'anfiteatro che corolla la malga d'asbelz e l'omonimo laghetto (fantasma)



finalmente la pendenza finisce e il sentiero prosegue in quota. Sulla dx la Crona, 2324m ca.



sullo sfondo le grigie gere della busa del lago



il versante nord del monte Piz



arrivati alla malga (1956m ca)



scruto le pendici occidentali della Crona attraversate da un gruppeto di camosci e vedo un buco



tana di orso?




Ma il Drago mi fa subito notare: l'orso non è mica scemo, perché dovrebbe scegliersi una tana così scomoda quando potrebbe benissimo dimorare in questa catapecchia adiacente alla malga? azz, ha ragione. Divento insolitamente discreta e non entro a curiosare ....


scie comiche a iosa per tutta la mattina




Proseguiamo la salita per andare a vedere questo benedetto laghetto d'Asbelz. La segnaletica dice che per arrivare al rifugio Cacciatore ci vogliono altre 2h 50', poi per scendere dal Cacciatore al parcheggio come minimo ci vorranno altre 2 ore. Prrrrrrrr!!!!



il supposto laghetto d'Asbelz (2024m ca): le scarse precipitazioni l'hanno ridotto ad una minuscola pozza ricoperta di neve ghiacciata



la malga Asbelz e i ruderi adiacenti visti dall'alto



il sentiero in quota percorso all'andata; con grande piacere lo imbocchiamo per andarcene.






l'alta val di Jon inondata dal sole: spettacolo




Non sembrerebbe, ma come spesso succede in montagna, soprattutto nelle giornate calde, in un attimo arrivano nuvole e nebbia a rovinare la giornata. Vabbé.

E ora una foto zozza:

cacca di presunto orso


Devo dire che questa mi mancava: ho sguazzato in mezzo alle pizze di vacca, slittato su quelle di cavallo, fatto lo slalom tra quelle di caprette e camosci, e ieri ho inciampato su una cacca di presunto orso.
Che vita.

EDIT - aggiornamento 04/04/12
non è una cacca di orso, è una foto di cacca
che figura di 

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento