10 ottobre 2011

provincia d'itaglia

Dedicato a tutti quelli che (e sono abbastanza) «trentino is nicht italien, qui certe cose non si fanno-siam mica come i terroni o gli extracomunitari, qui sono educati-siam mica come i terronieccecc, qui rispettano le leggi-siam mica come i terronieccecc, qui rispettano la cosa pubblica-siam mica come i terronieccecc, siamo migliori, più bravi, più intelligenti, più civili, i più del più del meglio the very best»

Nuova pista ciclabile, fatta a tappe forzate contro il parere negativo di residenti e commercianti che lì ci passano buona parte del loro tempo e sanno di cosa parlano.

Larga la pista, stretta la via, immaginate che bordello sia.
Lo spettacolo è imperdibile: le auto dei clienti del mini mercatino che prima si parcheggiavano sulla carreggiata ora stazionano sulla pista: nella loro candida ingenuità i civilissimi la devono aver scambiata per una nuova tipologia di area di sosta.
Quello che non è nuovo è il linguaggio e il fraseggio tipico del troglodita, che quando viene beccato in castagna si difende come può, poverino, e cioè con strilli-grugniti del tipo: "lei non sa chi sono io, io son giudice, mia figlia è avvocato, cancelli immediatamente quelle foto, ci vediamo in tribunale, mi dia il suo nome e cognome, è lei che sta commettendo un reato, me ne strafrego di tutti voi, e chiami le nostre meravigliose forze dell'ordine argh argh argh ..." (tra l'altro facendo vergognare immensamente tutti gli altri, che esausti da anni di troglodismo ostentato a più non posso, non hanno neanche più speranza e voce per tentare di contrastarli).

Naturalmente foto non ne ho cancellate, anzi, le ho doppiate e sono in viaggio verso il comando municipale, ufficio del sindaco e qualche redazione; poi le mie generalità le declino solo a chi è titolato a richiedermele, il millantato credito prima mi fa vomitare e poi mi fa ridere, e la prossima volta mi porto pure un registratore, affinché si sentano bene tono, accento e dialetto dei moderni trogloditi, che tanto solo questi li distinguono dal resto dei trogloditi che scorrazzano a nord e a sud.

Ci siamo chiesti, insieme ad un altro paio di residenti, come mai i vigili così affamati di soldi da rigirare al sindaco non pattuglino questa porzione di strada il sabato mattina. Ma chiediamoglielo direttamente, no? ma ecco che i vigili interpellati hanno stranamente altro da fare e cercano di passare la patata bollente ai colleghi della benemerita o della stradale.

Secondo me hanno paura di prenderle dagli automobilisti, dai commercianti e dai residenti infuriati, che sospettano, 'sti malfidati, che la pista sia solo un'altra opera a vantaggio esclusivo della bella faccia di questa illuminata amministrazione, il cui solo scopo nel portare a termine questo capolavoro è quello di vantare in giro tot km di piste ciclabili per sentirsi dire quanto sono belli, quanto sono bravi, quanto sono ecologisti, mica come i altri tagliani terronieccecc...














0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento