10 marzo 2011

rumtopf / cà dei baghi






Avevamo assaggiato questa gioia di liquore ad una cena, forse un anno fa, e ce n'eravamo invaghiti al primo sorso. Io poi avevo cercato di capire come farlo con le mie sante mani, scoprendo che è cosa alquanto ardua visto che occorrono ingredienti di prima scelta che non è facilissimo reperire: un buon rum e della frutta di stagione matura al punto giusto. Il procedimento è inoltre lungo, poiché ogni tipo di frutta va messo a macerare nel rum subito dopo la raccolta, che avviene in periodi diversi a seconda del frutto. Insomma, un bell'impegno, che l'azienda Cà dei Baghi si sobbarca per noi, per poi vendere un prodotto buono e speciale a prezzo oltretutto onesto.









Siamo andati ad acquistarlo direttamente sul posto, presso l'azieda agricola di Bosentino (TN), e abbiamo fatto anche una lunga, piacevole e istruttiva chiacchierata con una vera signora, ossia colei che manda avanti insieme al marito azienda, casa e famiglia. Bel carattere, disponibile, aperto, la dimostrazione vivente che non tutte le donne che lavorano duro devono necessariamente perdere la loro femminilità e competere in rozzezza con l'universo maschio. E poi - miracolo - non era nemmeno diffidente*.

[*potrà sembrare retorico questo appunto, ma provate voi a vivere in una zona che sembra ancora troppo spesso un'osteria di montagna, dove chiunque non sia del posto viene dapprima squadrato e controllato, per poi essere etichettato come forestiero a vita se ci si comporta bene, oppure come terrone se si osa contraddirli e/o vivere in modo diverso; quei locali che non condividono questa visione da piccolo mondo antico stanno anche peggio: son stranieri in casa propria]

L'azienda produce anche vari tipi di confetture, sciroppi, succhi e mostarde, ottime idee-regalo per golosastri, e che infatti non sono sfuggiti allo sguardo famelico del Drago. In omaggio abbiamo ricevuto una bottiglia di succo di mela, sempre di loro produzione.






































e questa ormai sono io

0 dite le vostre, di baggianate:

Posta un commento