23 marzo 2011

pomeriggio da cani

Passeggiatina digestiva e rilassante nel bosco. Da una malga ci rotola dietro un botolo a forma di pallina di grasso e pelo, talmente goffo e imbranato da impantanarsi in tutte le pozzanghere che incontra. Anche stavolta mi tocca squagliarmi.

che palle sempre in malga, vengo con voi, aspettatemi anf anf :)


Titubante all'inizio, si guarda spesso alle spalle, come se temesse di allontanarsi troppo dalla sua tana sicura; poi, con l'incoscienza tipica dei cuccioli, decide di fare la bravata, e si avvia con noi. "Ohibò" penso io "ancora un cagnino che ci segue nelle nostre passeggiate. E se i proprietari non vedendolo più si preoccupano? e se si perde? e se arriva un cane più grande e lo mena? e se arriva un orso e se lo sbrana? e se cade in un burrone e si fa male? "

E se facessi un figlio, ma quanto lo rimbambirei con le mie paranoie???

Passano 10 minuti e ne arriva a razzo un altro, biondo e con le orecchie al vento. Pare che si conoscano; solo alla fine scopriremo che è la sua mamma. Si, geneticamente pare non ci azzecchi niente di nulla, eppure la bionda esile ha generato un chiattoncello nero e grigio. Sembra che voglia riportarlo indietro, ci spia e sniffa a distanza forse per saggiare la nostra affidabilità; come tutte le mamme è normale che voglia sapere con chi si accompagnano i suoi figli. "Eccerto" dice poi il Drago "guarda un po' lei cosa ha partorito frequentando chissà chi, era preoccupata con cognizione di causa". Però superiamo l'esame, perché dopo che ci ha scannerizzati ben bene decide di unirsi anche lei a noi.

mamma e figlio ci corrono dietro


...giocano spensierati, che invidia...


...sprofondano nella neve come maiali nel pantano...


...e dagli...


aiut, e mò come scendo?


ohoh, cosa vediamo all'orizzonte....


>urka, un altro quadrupede più grosso di noi

Il quadrupede per fortuna è un signor cane pacifico. Non ringhia, non fa nemmeno un bau. Sta solo portando a spasso i suoi padroni con infinita pazienza.


abbé, allora posso continuare a sguazzare tranquillo; è un po' zozza 'sta neve, ma chissenefrega, tanto io son peggio

Un ramingo lo guarda e sentenzia "questo cucciolo è un pastore del Lagorai, non puro, ma l'aspetto è quello".
Ecco, oltre ad avere i paesaggi più belli e i formaggi più buoni, quelli lì ci hanno pure i cagnoloni più scemi.
Torniamo verso la malga, dove abbiamo l'auto parcheggiata. All'entrata c'è la malgara in vistosa pena che sta cercando i suoi cani da almeno un'ora e mezza buona. Appena vede la pallina di grasso e pelo la sgrida e le dà pure uno sculaccione sul reggicoda - che coraggio :(
Meno male che ero a distanza di sicurezza e a portata di zampa del Drago, altrimenti d'istinto le avrei elargito volentieri un calcione tale da farla svolazzare su per il boschetto col fondoschiena in mano per un centinaio di metri, e molto meglio di un parapendio.

5 commenti:

  1. Ma che amori!!!! ^^
    Averne di figli così buoni e ubbidenti! hehehe
    Un bacione a tutti e due!

    RispondiElimina
  2. Più che altro il cucciolone era un furrrbo :)))

    RispondiElimina
  3. Quando riesci passa da noi...abbiamo un premio per te! :)

    RispondiElimina
  4. angela22:13

    ciao, fammi sapere se il messaggio arriva meglio se con un sms perchè non so quando riesco a ricollegarmi. A presto

    RispondiElimina
  5. Giunto a destinazione ;)
    ok :)))

    RispondiElimina