28 giugno 2010

sette laghi - passo del lago

Sarà che ancora soffro del differente fuso orario, ma la prima escursione estiva domenicale della mia vita è stata deludente su tutti i fronti. Siamo partiti dalla località Samona, sopra l'abitato di Torcegno, col sentiero 323 per andare a vedere 'sti benedetti 7 laghi che avevamo lasciato in sospeso qualche mese fa causa neve. Un caldo fastidioso già alle 8 di mattina, così comincio la stagione a fatica e bestemmie; non ho proprio voglia. Però ci siamo spinti fino alla forcella del lago a 2200, direzione Hoabonti, per vedere i laghi dall'alto, ma una nuvolaglia bigia che saliva dal basso ha coperto tutto, e i laghi non li ho nemmeno intravisti, tranne forse per qualche sprazzo di luce. Fino alle 10 più o meno si è stati in grazia di dio, poi sono arrivati a frotte altri escursionisti dal lago Erdemolo e dalla val Portella. E non ci sarebbe stato nulla di male, se non che un folto gruppetto si è fermato a starnazzare incessantemente proprio in prossimità della forcella del lago, e in quel momento ho capito che non era giornata.
Odio visceralmente chiunque parli a voce troppo alta, ancor più in montagna; e passino gli anziani ai quali riconosco il diritto alla sordità, o i bambini che almeno sono spontanei, ma a tutto il resto dell'umanità non concedo attenuanti: è la solita nauseante maleducazione e basta. Pare che 10 secondi di fila in silenzio terrorizzino questa gente.
Neanche una settimana fa al mare ci è capitata una cosa analoga: km di spiaggia libera e deserta a disposizione, arriva una famigliola e si va a sistemare a 6 metri 6 di vicinanza da noi, e subito iniziano ad inquinarci l'udito col loro cicaleccio a tutto decibel. Non ho potuto fare a meno di alzare la voce anch'io per dire "perchè non si son messi un po' più appiccicati? così mi sentono meglio quando li mando affanculo!!!" e l'husband di rimando "eh si, le distanze son tutto nella vita" (sacrosante parole). Davvero non posso/voglio sondare questi atteggiamenti e morirò orgogliosamente ignorante. E poi dice che uno diventa orso. Sempre meglio che oca.




gronlait




2 commenti:

  1. Che dire se non un 'Avete ragione da vendere'?? Purtroppo certa gente si sente 'a casa propria' in alcuni luoghi che meriterebbero un pò più di rispetto, senza contare l'educazione che meriterebbe chi gli stà attorno.. già di nostro non siamo amanti della folla, e quando la vediamo dare il peggio di sé è ancora peggio..Di solito nei 'nostri' monti non abbiamo mai avuto troppi fastidi(parlo delle alpi e prealpi giulie e del territorio carsico) ma in trentino è capitato spesso..E dire che spesso in quelle meraviglie di posti ci si va per scaricarsi dallo stress, non per trovarne di nuovo... ;) E vabbè dai, speriamo che almeno la 'frecciatina' sia servita a zittirli un pò!
    Ciao e buona settimana!
    Mò e Jul

    RispondiElimina
  2. E' che andare in montagna è diventato una moda come un'altra, e dopo campagne pubblicitarie martellanti non ci si può stupire se arrivano non solo escursionisti tranquilli ma anche tipi da balera. Credo che la regione Friuli da questo punto di vista sia stata più saggia della provincia di Trento: non ricordo di aver visto sponsorizzare le vostre montagne a livelli ossessivi su tutta la stampa nazionale. Qualcuno a livello locale e privato ci prova a dare esempio di buone maniere in montagna, ma non tutti recepiscono :(
    Dovrò venire prima o poi a vedere che aria tira sui vostri monti.
    Ciao e grazie per la solidarietà :)))

    RispondiElimina