26 giugno 2010

da una riserva all'altra (3)

Agritur Su Solianu
Ci siamo fermati un giorno a mangiare all'agritur Su Solianu, nel comune di Barisardo, grazie alla segnalazione di amici ben informati.
Ad accoglierci una giovane coppia, più o meno nostri coetanei, di una gentilezza sbalorditiva. Lei, bravissima, ai fornelli, lui, in sala, si presenta così: "mi chiamo Adriano, non chiamatemi cameriere"; con queste poche parole si è guadagnato immediatamente la stima e l'affetto incondizionato di tutti e 4, compreso questo post. Erano anni che non mi capitava di trovarmi immediatamente in sintonia con un semi sconosciuto al primo approccio; chiacchieriamo subito come vecchi amici, lui è stato in Trentino per lavoro e ne serba un bel ricordo. Per mangiare ci affidiamo completamente al suo buon gusto, e ci è andata benonissimo.

Intanto si presenta col vino rosso della casa, uno di quei pochissimi vini che non mi fanno venire mal di stomaco o mal di testa. Chissà come mai.


Poi i salumi, tutti fatti con quei poveri maialini...(si si proprio quelli)


gli ortaggi della loro terra: olive, carciofi, fave - GNAMMI


anche il pane credo sia fatto con le loro sante mani


questo formaggio fresco è tipico dell'Ogliastra e somiglia vagamente al feta greco; è meno salato, però, forse con un gusto un po' più acido.


queste bontà sono fatte con patate, pecorino e menta (le barchette ripiene) e con zucca (le frittatine) GNAMMI


i tipici ravioli dell'Ogliastra, impossibili da fare fuori zona
GNAMMI


gnocchi di semola al ragù di capra


a momenti non riuscivo a fotografare l'arrosto di vitello, talmente è andato a ruba


formaggi della zona


la frutta coltivata in azienda


abbardenti (trad.: acquavite); i liquori fatti da loro erano tanti: mirto, nocino, eucalipto, corbezzolo, carruba e altri che non ricordo


i dolci fatti da loro


entrata dell'agritur con guardiano vigile e tremendo


la loro vigna

Abbiamo comprato qualche litrozzo del loro olio e del loro vino e caschi il mondo, l'anno prossimo ci torniamo.

4 commenti:

  1. Salve! ^^ Ho scoperto questo blog per puro caso, approdando su un tuo articolo sugli habanero, che anch io tento amorevolmente di coltivare nel mio metro quadro di orticino, poi mi sono perso a leggere delle varie escursioni.. ^^ E' un piacere leggere questi post!
    A presto, e buona domenica a tutti e due!

    RispondiElimina
  2. E dire che quando ho cominciato a nutrirmi di habanero pensavo di essere l'unica col palato fulminato, invece vedo che da nord a sud c'è un bel criccone di appassionati, evviva :))
    Grazie, troppo gentile :)

    RispondiElimina
  3. e che ti commento? la vacanza, le gozzoviglie?… no, le foto : ). la sensibilità non ti manca, appena un po' di controllo sull'inquadratura e una leggera sottoesposizione non nuocerebbe, dai, impegnati!

    RispondiElimina
  4. Son mica fotografa di professione io, col catorcetto che mi ritrovo poi...:)

    RispondiElimina