7 maggio 2010

Tecniche avanzate di sopravvivenza per habanero

Le sta tentando proprio tutte la cattiva sorte pur di farmi schiattare i germogli di habanero: incursioni vandaliche, cali repentini di temperatura, vento, acquazzoni. Mi mancano le cavallette e il malocchio, e la strage degli innocenti è fatta. Ma io mi son fatta furba e ho adottato tutti i potenti mezzi messi a disposizione dalla tecnologia moderna: ho coperto preventivamente i vasi con dei sacchetti di plastica a cui avevo praticato un foro affinché le piantine non soffocassero, e così son sopravvissute alle ultime intemperie.
Son spuntati tutti insieme: red savina, white, chocolate e i naga (o i gambia, in quest'ultimo vaso ho fatto un bel minestrone). Tutti insieme nel vero senso della parola: anche 15/20 piantine a distanza ravvicinata le une dalle altre.

red savina


chocolate


white


naga o gambia


Tocca sopprimerne tante prima che si strangolino a vicenda, e la cosa mi rode abbastanza, vista l'ansia che ho patito per mesi nell'attesa che spuntasse qualcosa.
Lo scorso anno di questi tempi le piantine erano molto più grandi e sono arrivata ad avere un unico peperoncino commestibile solo a fine estate . Quest'anno temo di combattere contro gli afidi e l'afa per nulla, e di trovarmi senza più nemmeno un semino per l'anno prossimo. Senza contare che se non arrivano a fare frutti possono essere scambiate da occhi sospettosi e indiscreti per piante di marjuana, e io rischio di trovarmi per casa una squadra antidroga in assetto da guerra dalla sera alla mattina. Vaglielo a spiegare poi che io mi coltivo quella roba a scopi culinari e sono una persona seria e onesta; se non mi arrestano per detenzione illecita di armi non convenzionali mi internano in qualche clinica psichiatrica per abuso di sostanze disumane.
Si annuncia una pessima annata per il mio palato a queste latitudini.
(e per la serie "c'è sempre qualcuno più fulminato di te", guardate in India che son capaci di fare).

5 commenti:

  1. Non puoi trapiantare le piccole in un altro vaso?
    Magari qualcuna attechisce e non devi sopprimerne troppe... :(

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Purtroppo lo spazio che ho è talmente poco che non posso permettermi altri vasi, altrimenti non ne ucciderei nemmeno una, sigh...
    tu piuttosto, carissima Sara che non sei altro, non gradiresti qualche bella piantina esotica? sapessi quanto diventano belle....
    (dicesi ruffianeria allo stato puro :)) )

    RispondiElimina
  3. Carissima ruffiana che non sei altro, volentieri! Operazione salvataggio piantine in difficoltà! ;)

    RispondiElimina
  4. Hai visto che sono nate? Non sopprimere ancora niente, lasciale così, quando saranno cresciute ti scegli quelle piu' belle e le piu' resistenti, ci sono sempre piante che fanno la differenza come nelle persone. Ciao e complimenti.

    RispondiElimina
  5. Ciao mascalzone :)
    le piantine stanno benone, almeno quelle sopravvissute al grande freddo delle ultime settimane. Credo proprio che le lascerò crescere, poi in giugno qualcuna la regalerò, ho già trovato 2 volontari. Grazie per i complimenti, incrocio le dita
    ciao :))

    RispondiElimina